La dieta preoperatoria

La chirurgia bariatrica, nota anche come chirurgia dell’obesità, può essere un modo efficace per molti pazienti obesi di perdere un’elevata percentuale del loro eccesso di peso. Tuttavia, affinché questo tipo di intervento chirurgico abbia successo nel lungo termine, è fondamentale che il paziente segua una rigorosa dieta preoperatoria.

In questo articolo esamineremo perché attenersi a specifiche linee guida dietetiche prima di un intervento di chirurgia bariatrica è così importante per massimizzare i risultati post-operatori e minimizzare i rischi di complicazioni.

Perché una dieta preoperatoria?

Ridurre il contenuto di grasso nel fegato migliora i risultati chirurgici Uno dei principali motivi per seguire una dieta pre-chirurgia bariatrica è ridurre la quantità di grasso accumulato nel fegato, una condizione nota come steatosi epatica o “fegato grasso”. Un eccessivo accumulo di grasso nel fegato è associato a una maggiore probabilità di complicazioni durante e dopo l’intervento chirurgico.

Seguire una dieta specificamente mirata a ridurre il grasso del fegato prima dell’intervento può quindi migliorare significativamente gli esiti della procedura bariatrica. La perdita anche modesta del 5-10% del peso corporeo può già avere effetti molto positivi in tal senso.

Prevenire è meglio

Oltre agli effetti positivi sulla salute del fegato, perdere peso attraverso la dieta preoperatoria può anche migliorare altre condizioni correlate all’obesità, prevenendo potenziali complicazioni durante e dopo l’intervento chirurgico.

Per esempio, perdere peso prima dell’intervento riduce lo stress sul sistema cardiorespiratorio, il che si traduce in un minor rischio di problemi respiratori e cardiaci legati all’anestesia e alla chirurgia stessa. Anche solo una modesta riduzione dell’indice di massa corporea preoperatorio fa una grande differenza in tal senso.

Preparare il corpo ai cambiamenti metabolici, seguire uno specifico regime alimentare prima dell’intervento chirurgico serve anche a preparare il corpo ai significativi cambiamenti fisiologici e metabolici che la procedura bariatrica comporterà.

Solitamente si tratta di una dieta Ketogenica o comunque una dieta ad elevato contenuto proteico, che prevede almeno e basso tenore di carboidrati che devono essere inferiori a 50g al giorno.

Adattarsi in anticipo a mangiare porzioni molto più piccole e assimilare meno calorie è utile per evitare gravi effetti collaterali gastrointestinali dopo l’intervento. La drastica riduzione dell’apporto calorico può avvenire più gradualmente, dando tempo all’organismo di abituarsi alle nuove condizioni.

Rafforzare le nuove abitudini alimentari Infine, una dieta preoperatoria ben strutturata inizia anche a rafforzare abitudini alimentari completamente nuove che il paziente dovrà adottare nel lungo termine dopo essersi sottoposto a chirurgia bariatrica.

Mangiare in modo più lento e masticare accuratamente, fare pasti più frequenti ma con porzioni molto piccole, evitare cibi densamente calorici ed eliminare quasi completamente zuccheri raffinati e alcolici sono cambiamenti necessari per mantenere la perdita di peso dopo l’intervento.

Iniziare questa transizione in anticipo e con il supporto di un team multidisciplinare è cruciale per ottenere una compliance ottimale da parte del paziente e risultati chirurgici duraturi.

In sintesi, seguire alla lettera le indicazioni dietetiche pre-operatorie fornite dal mio team di chirurgia bariatrica è quasi importante quanto l’intervento stesso ai fini del successo globale. Perdere peso prima dell’operazione migliora gli esiti chirurgici riducendo i rischi di complicazioni e preparando l’organismo ai cambiamenti metabolici indotti dalla procedura bariatrica.
Presentarsi in sala operatoria già con una certa riduzione del peso corporeo permette, infatti, di ottenere migliori risultati post-operatori e poi la riduzione del grasso viscerale permette ai pazienti che faranno un intervento di bypass o mini bypass di avere un intestino più elastico e questo è molto utile quando si dovrà realizzare la sutura intestinale. In pratica si parte già con un vantaggio che va a sommarsi ai benefici dell’intervento bariatrico.
Inoltre pone solide basi per mantenere un peso ridotto a lungo termine rafforzando fin da subito nuove e più sane abitudini alimentari.

Hai bisogno di altre informazioni?

Continua a seguirci, iscriviti al forum e condividi le tue esperienze con gli altri membri della grande community ObesityHelp!
Se invece hai bisogno di un consiglio personalizzato, contattaci!

Share This Post
Dacci un voto!
00

Leave a Reply

Your email address will not be published. Required fields are marked *

You may use these HTML tags and attributes: <a href="" title=""> <abbr title=""> <acronym title=""> <b> <blockquote cite=""> <cite> <code> <del datetime=""> <em> <i> <q cite=""> <s> <strike> <strong> <iframe src="" allow="" style=""> <li>